Salta al contenuto
Rss




Castelrotto

Nessuna riminiscenza medievale, anche se il nome potrebbe suggerirlo, per questa frazione che ancora nel 1692 era tutta in una sola casa, abitata da nove persone componenti la famiglia Crevani. Ad essi si sostituiranno, fermandosi lungamente, i Sartori, che ritroviamo dal 1711 al 1820; in quest'anno terminale la popolazione sarà di 32 abitanti.
Poi un calo: 16 persone nel 1854, 13 nel 1863. La ripresa avviene nell'ultima parte del secolo: 25 persone nel 1875, 26 nel 1887, distribuite tra le famiglie Sarchi, Callegari, Lucchini e Casella. Sappiamo che nel 1723 Domenico Sartori aveva in affitto da Giuseppe Pietragrassa la casa più 480 pertiche di terreno, per le quali pagava ogni anno un canone parte in moneta (530 lire) e parte in natura (20 sacchi di frumento).
Le terre in questione erano per la maggior parte campi (307 pertiche di cui 85 con viti) e poi prati, boschi e terreno incolto.
Ma oltre che all'agricoltura, l'attività economica della frazione è stata per molto tempo legata anche all'estrazione e lavorazione della calce.
A Castelrotto, infatti, tra fine Ottocento e primi Novecento, era in funzione una fornace da calce, che trasformava il materiale estratto nelle vicine cave di Poggio, trasportato alla fornace grazie a una teleferica. Attività che si concluse alla vigilia della Prima Guerra Mondiale.
Esistevano anche delle cave vicino al centro abitato. Una di queste era situata proprio ai bordi della strada in direzione Crocetta. Di questa cava abbiamo notizie da una delibera comunale del 12 febbraio 1910. "Viene letta... la nota sottoprefettizia con cui nel far conoscere che la Società Cementifera Italiana con sede in Genova e stabilimento in Broni, ha fatto domanda al signor Prefetto per essere autorizzata ad estrarre calcare da un banco il quale si trova a 15 metri dalla strada comunale obbligatoria del Pratello in territorio di questo comune alla regione Castelrotto, fa invito a questo comune perché abbia a manifestare l'assenso suo in merito alla domanda stessa.
Il Consiglio.. delibera di far risultare che questo comune non può per parte sua dare alla suaccennata domanda della Società Cementifera il suo assenso per l'estrazione ulteriore di calcare dal banco in tale domanda accennato, perché la profondità già esistente nella cava di cui il banco in parola è parte, è maggiore della distanza che la separa dalla strada obbligatoria del Pratello, e perché nei pressi di tale località si sarebbe in passato manifestata una frana che causò al comune una spesa non indifferente per costruzione di schiaviche o drenaggi per difendere la strada suddetta che ne era seriamente minacciata e infine perché dietro tale precedente il togliere il banco in parola sarebbe certa causa compromittente della strada nella località stessa."
Nei primi decenni del nostro secolo, esisteva nella frazione anche una scuola con corsi per le prime tre classi dell'istruzione primaria.





Inizio Pagina Comune di MONTECALVO VERSIGGIA (PV) - Sito Ufficiale
Frazione Crocetta,18 - 27047 MONTECALVO VERSIGGIA (PV) - Italy
Tel. (+39)0385.951008- 99712 - Fax (+39)0385.951026
Codice Fiscale: 84000720189 - Partita IVA: 00484490180
EMail: protocollo@comune.montecalvo.pv.it
Posta Elettronica Certificata: protocollo@pec.comune.montecalvo.pv.it
Web: http://www.comune.montecalvo.pv.it


|